Trincee sul Col Molletta – Polcenigo

Recentemente a seguito di un progetto di recupero, sono state rimesse in evidenza le trincee della Prima Guerra Mondiale scavate 100 anni fa, dopo la disfatta di Caporetto,per ospitare le truppe dell’impero austroungarico.
Trincee presumibilmente fatte scavare dal barone Svetozar Von Boroevic’ de Bojna comandante delle truppe austro-tedesche che aveva chiesto ai suoi uomini di creare una linea difensiva lungo il fiume Livenza e lungo il Tagliamento in visione di un’evoluzione negativa della guerra.
Il recupero è stato fatto molto bene e sinceramente se ci si lascia affascinare dalla storia e dal contesto desta anche molto interesse.
Il sito è molto semplice da raggiungere e la camminata è veramente breve, 15/20 minuti al massimo.
Si consiglia di lasciare l’auto sul parcheggio del Parco di San Floriano in località San Giovanni di Polcenigo di sotto.
Si procede verso l’ingresso del parco ma anziché prendere la salita delimitata dalla sbarra che identifica l’ingresso a San Floriano, si tiene la sinistra procedendo dritti finché la strada diventa bianca.

20160403_073543   20160403_073720

Pochi metri dopo, in prossimità della sede dell’accademia faunistica (loc. Musil) ci si trova ad un bivio con ben indicato il sentiero che porta alle trincee.
Nelle giornate piovose la zona risulta abbastanza fangosa, ma tranquillamente percorribile.

20160403_073935   20160403_074136

Qualche minuto di camminata e si arriva subito in prossimità della tabella di presentazione del sito e alle trincee:

20160403_074739   20160403_074749

20160403_074819
Trincea
20160403_075127.jpg
Avamposto per mitragliatrice

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Trincee sul Col Molletta – Polcenigo

  1. Sono Gianmaria Tesio mio nonno omonimo ė stato preso prigioniero durante un comattimento a polcennigo .possiedo una lettera dal fronte scritta da un compagno che assicura la famiglia della sua cattura vivo.ho di lui numarosi ricordi in quanto vissuto con noi fino a 94 anni.tale lettera forse in vostro possesso tramite un mio cugino in visita ai lughi di combattimento del nonno. Saluti gianmaria tesio

    Mi piace

    1. Salve Sig. Tesio e grazie per avermi scritto. Non so dirle se tale lettera sia in mano a chi di Polcenigo ne segue storia e cultura, conosco diverse persone appassionate e della cosa che scrivono libri e fanno conferenza in merito. Certo sarebbe bello poter annoverare copie dei documenti in suo possesso alle letture locali.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...