Il nocciòlo

Corylus avellana, questo il vero nome di quello che tutti conosciamo come nocciolo.
Questa pianta è abbastanza diffusa anche nelle nostre montagne e non è difficile imbattersi in alcune di esse camminando per i boschi.
Il nocciolo ha la caratteristica di essere bello tutto l’anno, è una pianta forte in grado di ammalarsi poco e di adattarsi a differenti tipi di terreno.

nocciolo.jpg
Ha origini antiche tanto da far risalire la sua diffusione ad oltre 10000 anni fa, l’uomo infatti si nutriva dei suo frutti, quando l’uomo poi imparerà a coltivare questa sarà una delle prime piante a far fruttare.
Il nocciolo ha una coltivazione intensiva in quando il suo frutto viene utilizzato in diversi settori, coltivazioni si trovano lungo la costa del Mar Nero, in Italia, in Spagna e nel Nord America.
Per quanto riguarda l’Italia, Sicilia, Campania, Lazio, Piemonte e Liguria sono indubbiamente le regioni dove la coltivazione è maggiormente sviluppata.
Questa pianta la si potrebbe definire anche un grande arbusto, con un’altezza media sui 4 metri, è decidua quindi d’inverno perde le proprie foglie, è molto ramificata ed ha una corteccia liscia di colore chiaro.

Fiorisce da dicembre a febbraio ed è anemofila, quindi viene impollinata dal vento e non dagli insetti (non presenti nel periodo freddo) ed i propri frutti, le nocciole, iniziano a formarsi con il mese di maggio per diventare mature tra fine agosto e settembre.
La nocciola è rinchiusa in un guscio legnoso e generalmente crescono in gruppi di 3 o 4.

La raccolta delle nocciole avviene quando queste cadono a terra oppure per scuotimento.
Si pensi che la nocciola è un frutto altamente energetico, ricco di grassi, proteine e zuccheri, contengono inoltre potassio, fosforo e magnesio, elementi che non a caso vengono utilizzati generalmente negli integratori per combattere la stanchezza e rendere il metabolismo più veloce.
L’estratto di nocciole viene inoltre utilizzato per prodotti alimentari, farmaceutici, cosmetici, detergenti.
Il nocciolo viene generalmente utilizzato anche come pianta ornamentale, è facile incontrarlo in parchi e giardini.

Annunci

One thought on “Il nocciòlo

  1. Al tempo dei Romani veniva già usata come augurio di felicità, in ricche e divertenti composizioni e si leggono tracce di lei, addirittura su manoscritti cinesi risalenti a 5.000 anni fa. E’ una pianta (e un frutto) davvero particolare e ricca di proprietà benefiche. Bellissimo post.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...