Castagne in notturna…l’affare del secolo

E’ il periodo buono per raccogliere castagne.
Sono anni che rompo le scatole a tutti per andare a castagne, i buoi propositi ci sono ma poi finisce sempre in un nulla di fatto.
Domenica mattina ho piazzato la sveglia alle 5.15, la sera prima mi ero preparato il mio bel zainetto, quindi mi alzo bello baldanzoso con le più buone intenzioni, vado a castagne, e rientro per le 8, cosi faccio colazione con moglie e ragazzi.
Mi vesto, monto in macchina e parto, destinazione Piancavallo, il problema è che quando monto in macchina mi accorgo che è veramente ancora tanto buio e dell’alba nemmeno l’ombra ancora.
Non mi scoraggio e parto ugualmente.
Cosi decido di modificare un pò il programma mi porto sulla zona del Sauc, da li imbocco il sentiero che porta giù a Dardago, il CAI990, nonostante la torcia frontale e una pila a mano non si vede un granchè come si può ben vedere dalle foto, ma scendo per una ventina di minuti, giusto per sgranchire le gambe e aspettare che il sole faccia capolino.

Quando inizio a vedere qualche raggio di luce che filtra tra gli alberi faccio retromarcia e risalgo fino alla macchina.
La zona dei castagni è più in basso, quindi fermo la macchina in una piazzola di sosta, anche perchè voglio fare una foto al paesaggio (che col cellulare non rende proprio), appena scendo mi accorgo di avere i piedi su una distesa di ricci…bingo!!
Faccio la mia foto, e mi inoltro nel boschetto alle mie spalle, intanto inizia a schiarire, mi accorgo subito di aver trovato una zona buona, metto i guanti tiro fuori il mio sacchettino ed inizio la mia raccolta.
Quando sono a circa un kg di castagne mi sento osservato, cosi alzo lo sguardo e ad una decina di metri da me un bellissimo capriolo che mi fissa, il suo sguardo stava chiaramente dicendo “OK , facciamo cosi, io ti lascio raccogliere le mie castagne, ma tu devi promettermi che le mangi insieme ad un vino novello buono altrimenti puoi pure rimettere tutto al suo posto”…io l’ho guardato ed ho risposto “Tu credi che io possa prendere queste castagne senza accompagnarle con un ottimo rosso? ma stai scherzando? per chi mi hai preso?” e dopo la mia conferma si è semplicemente girato e se ne è andato, ho cercato di recuperare il telefono per fargli una foto ma non ho fatto tempo e prenderlo che mi sono sentito qualcosa che mi passava sopra i piedi, una lepre che sfrecciava zigzagando e non si è fatta tanti problemi a pestarmi, anzi probabilmente l’ha fatto perchè lei sapeva che ho mentito e che il rosso a casa non ce l’ho….visto che non bevo vino (o comunque raramente).
Al di la di questi piacevoli incontri boschivi, ho concluso la raccolta con quasi 3 kg di castagne, sono arrivato a casa per le 8 in punto e sulla porta c’era la piccola peste che mi aspettava per capire se ero tornato con il bottino o meno (e peraltro mi ha sgridato perchè non l’avevo svegliata…).
Non c’è niente da fare, la montagna non solo sa regalarti tanto ma sa farti ritrovare quella pace che nella frenesia di tutti i giorni tendi sempre a dimenticare.20161016_07003720161016_094827

Annunci

7 thoughts on “Castagne in notturna…l’affare del secolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...