La mia morte americana

Prefazione
Non sono americano.
Gli unici legami diretti che ho con questa terra sono legati ad un paio di viaggi e al fatto che a 10 km da casa mia c’è forse una delle più grandi basi americane presenti sul territorio Italiano, fine.

Eppure, come è normale che sia, quando ho discusso con mia moglie di cosa vorremmo se uno dei due venisse improvvisamente a mancare sono stato chiaro.
Primo, non sono credente, quindi non voglio funerali e tombe su cui andare a piangere su cui portare fiori o su cui svuotare una caraffa d’acqua per tenerla pulita, magari con un lumino elettrico di cui devi per 100 anni pagare una bolletta ed una foto che non mi rappresenta.
Vorrei essere cremato.
Ora non so come sia la materia legislativa in fatto di dispersione delle ceneri ma vorrei venissero disperse sulle mie montagne (una manciata anche nella acque blu del Gorgazzo).
Non vorrei una cerimonia con gente che piange e si dispera, mi sono sempre reputato un tipo simpatico e divertente (si anche cagacazzi a volte…ma chi non lo è?) quindi in perfetto stile americano vorrei una festa in mio onore a casa mia, possibilmente una bella grigliata  con gente che mangia in piedi in giardino, con bella musica di sottofondo e se qualcuno ha voglia di ballare ancora meglio, mi piacerebbe che ci fossero 4/5 frigoriferi di quelli da campeggio pieni di ghiaccio con una marea di birre e bozze di wodka infilate dentro, un secchio da pittura debitamente lavato e pulito pieno di lime e zucchero di canna con un bel mestolo, caipirina libre.
Mi piacerebbe una bella torta di quelle che sa fare mia moglie con la pasta di zucchero (da buon goloso).
Unica cosa un  pò esagerata che mi piacerebbe è un trombettista che suonasse Can’t help falling in love….poi visto che è pagato che sparasse un pò di Blues Brother come si deve.
Ecco questo è quello che vorrei, mi piacerebbe che la gente che passa sulla stradina davanti casa si fermi e suoni il campanello:
“Potete fare un pò meno baccano, qui la gente vorrebbe riposare (?), vi sembra l’ora per dare una festa?”

“Salve Signora, non è una festa ma una funerale, ma venga dentro che c’è un panino con la salsiccia ed una birretta pure per lei”

Annunci

13 thoughts on “La mia morte americana

  1. Come ti capisco! Ho desideri molto simili, sicuramente tanta musica, ma mi rispecchio più o meno in tutto (a parte che anche le ceneri le vorrei nel Pacifico, davanti a San Francisco, chissà se è realizzabile però). Non è un desiderio più strano di quello di essere sepolto in un cassone di legno massiccio pieno di ornamenti, no?

    Liked by 1 persona

  2. Io sono stato a un funerale con questo stile, per certi versi mi piacerebbe, ma non so se le persone che sono accanto a me riuscirebbero a mangiare o a sentire musica, vista la mia dipartita. Non lo so. Non riesco ad immaginare il mondo che va avanti senza di me 😀 Comunque credo che spesso sia una questione culturale la nostra. Di certo io non vorrei un funerale, non dico di non essere credente, di certo non sono un praticante, ma una persona con una certa spiritualità sì. Però per coerenza, visto che in chiesa non ci vado e neanche credo a sti preti preferisco non ci fosse un funerale. Però cremato sì, sperando che le ceneri non inquinino. In fondo al cimitero non ci vado mai, l’ultima volta è stato venticinque anni fa e non perchè non ci siano stati lutti. Anzi. C’è da dire che forse il cimitero è l’unico posto in cui si rinnovano le facce 😉

    Liked by 1 persona

  3. Ti copierei tutta la linea, con l’unico problema che vivo in appartamento e la festa con grigliata risulterebbe intimistica, stretta e scomoda.
    Ma la cosa che più mi ha colpito è che siamo probabilmente vicini di casa o quasi!
    Non puoi citare impunemente il Gorgazzo e una grande base americana senza insospettire me, che vivo nella periferia del capoluogo di provincia! 🙂
    Comunque sia se ci troveremo per una grigliata o quattro chiacchiere meglio che succeda da vivi.
    Mandi!

    Mi piace

    1. Ciao Andrea, grazie per il commento.
      Si da qualche mio post di evince chiaramente dove vivo, ho scoperto che non sei l’unico della zona o comunque a conoscerla.
      Io sono di Polcenigo, zona San Floriano che sicuramente conosci.

      Liked by 1 persona

  4. A me piacerebbe scomparire e basta….
    Cremazione , sicuramente, ceneri sparse dove non inquinano , e meno fastidi possibili a chi rimane.
    Anche se io sono ancora una persona allegra e in salute, meglio decidere per il dopo….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...