Ciao Pace

Il titolo è legato ad uno sciocco gioco di parole che i miei figli per mesi continuavano a rifilare in qualsiasi occasione.
Pace in inglese = peace (pron. pis)
Ciao in inglese = hello (pron. hello)
Pace Ciao = Pisello
La cosa li faceva (…e fa) sbellicare dalle risate, sicuramente per il doppio senso che alla loro età comunque è ancora tabù e poi perchè ste stupidaggini ai ragazzini fanno sempre un gran ridere (basta ricordare quando noi guardavamo Pierino, anzi forse era peggio visto che oltre alle parole eravamo sempre alla ricerca di una mezza tetta).
Trovo comunque utile riciclare sta cosa e trasformare una scemenza nel pensiero di queste ultime ore.
L’immagine invece….beh lo si capirà in seguito.
Probabilmente ho toccato il fondo o comunque sono in prossimità di farlo, siccome non sono ancora convinto che sia più facile nuotare piuttosto che continuare a fare su e giù a balzelloni per questa enorme piscina chiamata vita mi sto preparando a dare nuovamente un colpo di reni per riemergere al fin di riprendere la mia boccata d’aria, d’altronde nessuno nasce imparato e tutti proviamo ad arrivare ad aggrapparci all’altra sponda nel modo che ci sembra più efficace.
Un pò il lavoro che mi sta schiacciando, un pò il vortice preadolescenziale nel quale i miei figli mi trascinano mettendo a dura prova il mio equilibrio, un pò il giro di persone che ultimamente si comportano come fossero state incoronate re e regine e come tali pretendono di essere trattate, un pò certe situazioni in cui mi sento obbligato a sorridere ma che non riesco a digerire ed il mio umore, il mio umorismo e la mia voglia di vedere il bicchiere mezzo pieno sono andati sciamando, per fortuna mi conosco, ecco perchè arrivo al limite, esplodo come una Glasmine43, una mina antiuomo a frammentazione carica di vetro (e non metallo proprio perchè non sia rintracciabile dai metaldetector) e dopo aver lasciato la mia bella scia di cadaveri riprendo a testa alta il mio cammino.
La mia coscienza è costretta agli straordinari ma fa egregiamente il suo lavoro e questa se volete corrisponde alla forza che bisogna mettere nelle gambe per essere sicuri che la spinta sia sufficiente a raggiungere la superficie.
Oggi stranamente mi sento sereno, con voglia di affrontare le cose e chiarire quelle che mi interessano con le persone che meritano, per le altre nemmeno perdo tempo, oggi mi sento bene, motivato e convinto più che mai di essere nel giusto, non si tratta della solita quiete prima della tempesta, si tratta di quiete e basta.
Quindi quando sarà il momento ecco cosa dirò….ciao…pace.

Annunci

6 pensieri riguardo “Ciao Pace

  1. Cogli questo attimo di serenità per sfogarti un poco e fare rifornimento di tutto quello che ti serve per andare a avanti, soprattutto di pazienza perché ce ne vuole tanta in casa, sul lavoro, nelle relazioni parentali ecc.ecc.
    Ciao Ruggero, pace.

    Liked by 1 persona

  2. Che bello quando ci sono queste giornate in cui si ha il cuore sereno, quando sembra che niente e nessuno potrà farci perdere la pazienza e venire l’ansia (o la rabbia dipende da come sei fatto te) goditela, approfittane e ricarica il cuore ed il cervello. Buona giornata e peacehello!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...