L’arte di vedere l’arte

C’è chi vede in un quadro di Picasso la massima espressione dell’arte contemporanea e chi il disegno fatto da suo figlio all’asilo.
C’è chi vede in Cattelan il genio realista chi invece un semplice provocatore, chi in Christo il blasfemo che vuole mettere chiunque nella condizione di camminare sull’acqua chi invece un artista unico nel suo genere.
C’è chi vede vede l’arte e chi no.
Sono sempre stato convinto di essere un individuo intollerante alla comprensione, mi sono sempre auto flagellato su questa cosa chiedendomi cosa mi mancasse per capire il significato di certe opere, perché non mi incuriosissero, perché non riuscissi a cogliere il messaggio che si nasconde dietro ad una pennellata, dietro ad un colpo di scalpello, dietro ad una sbombolettata.
Sono sempre più convinto che capire l’arte sia un dono  e non un qualcosa che possano insegnarti a scuola, devi essere capace a vedere un attimino oltre al quadro in se, alla scultura, all’installazione, ed io non ci riesco.
In compenso riesco a vedere delle figure disegnate dalle foglie gialle e rosse cadute in autunno sull’asfalto, riesco a vedere almeno mille e mille sfumature di verde nel bosco dietro casa, riesco a vedere nuvole-dinosauro e nuvole-mostro muoversi lentamente e divorarsi la montagna, riesco a trovare arthistico mettere un’acca in più in una parola, riesco a sorridere quando un bimbo con il pongo  crea una forma senza forma, trovo un senso in un piatto sbeccato che a modo suo ha scelto di essere diverso dagli altri, trovo fascino nelle gocce che durante il temporale scivolano già per il vetro in meccanico rincorrersi che ogni volta mi viene in mente la corsa dei cavalli con i flipper del luna park, vedo arte nel continuo variare della forma dell’osso che il mio cane sgranocchia un po’ per volta, mi cattura la morbidezza dei movimenti delle donne in bicicletta, siano esse vecchie, grasse, belle, corrucciate o radiose, mi conquista l’ondeggiare dei manifesti pubblicitari che lentamente si staccano al ritmo del vento, per non parlare di quanto mi rapiscano gli edifici abbandonati, gli alberi che oscillano, le formiche in fila, gli anziani che confabulano, il danzare del fumo del risotto.
Allora mi chiedo, ma l’arte, cos’è? e chi definisce cos’è artistico o cosa no?
L’arte non risponde a nessuna regola se non a quella del piacere, del suscitare emozioni, dello scombinare un punto di vista, dell’attrarre, ecco si, forse dire che arte è attrazione è la cosa più giusta.
Quindi chi e perché ha definito che tutti questi pittori sono artisti? che sono insegnanti d’arte? che sono la massima forma d’arte? chi dice che la loro è arte e quella di un bimbo che disegna con i gessi per terra no? che la loro è arte e quella che disegnano stormi d’uccelli in volo no? che la loro è arte e quella che di cieco che legge in braille no?
Per me le cose sono cambiate, ho scelto di fare in modo che l’arte e l’artista non siano quelli che hanno un valore sulla mercato ma quelli che hanno l’arte, nelle cose grandi o piccole che siano, di vederci l’arte.

Annunci

5 pensieri riguardo “L’arte di vedere l’arte

  1. Peccato dimenticare la parola “cultura” che ti permette di apprezzare tutte le cose che dici di apprezzare e anche di distinguere se l’arte vantata dai mercanti sia arte o meno. L’Homo naturalis è colui che ancora vaga nella foresta a caccia di selvaggina. E quanti di questi Homini vivono ancora oggi!!

    Piace a 4 people

  2. L’arte secondo me è comunicazione, perché generalmente è fatta per farsi guardare, ascoltare e interpretare. In tutte le sue forme espressive anticipa e interpreta il sentire collettivo in divenire, quindi è soggettiva per chi la crea, specie inizialmente, ma poi diventa di tutti quando viene compresa. La chiamerei quindi cultura. Tuttavia, è difficile dire se esista l’arte assoluta, data le differenze tra gli esseri umani.

    Piace a 1 persona

  3. L’arte è soggettiva. Ognuno vede ciò che sente trasmettere dall’opera. L’arte di qualsiasi genere, ci trasmette ciò in cui crediamo è nelle emozioni che ci dona. Per fortuna il mondo è vario come l’arte, per me il più grande artista è il pianeta che ci ospita. Le sue creazioni sono la perfezione assoluta. Il resto sono bellissime rappresentazioni pittoriche di ciò che ha creato madre terra!🌏🕉❣️

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...