La tristezza ha il sonno leggero – Lorenzo Marone

Ok partiamo dicendo che di Marone avevo già letto “La tentazione di essere felici“, libro che avevo trovato interessante come storia ma raccontato un po’ così, eppure mi ero fatto l’idea che questo scrittore avesse un potenziale molto più alto, motivo per il quale ho deciso di leggere anche altro.
Sono cosi approdato a “La tristezza ha il sonno leggero”, prima di scrivere questa recensione ho provato a dare un’occhiata a cosa ne pensano altri lettori, ovviamente io sono in controtendenza, quando tutti dicono che il primo sia meglio del secondo io invece ho trovato che la cosa sia proprio al contrario.
La tristezza ha il sonno leggero, sarà perché il personaggio avendo circa la mia età vede, pensa e prova cose che possono essere un luogo comune per tutti i quarantenni, sarà perché la storia della gestione di una famiglia allargata è più attuale di quanto si creda, sarà perché dentro tutti noi ci sono pensieri, sensazioni, dubbi, situazioni, che portano inevitabilmente a fare certi tipi di ragionamenti, in questo libro ci ho trovato un attuale quarantennismo molto più marcato di quanto non ve ne sia in romanzi che sperano di enfatizzare proprio quest’aspetto.
Non è un romanzo che si legge tutto d’un fiato, che ti tiene sulle spine fino all’ultimo, è un romanzo di un percorso di vita, fra i suoi alti ed i suoi bassi, fra le mille difficoltà, i mille piaceri, che chiunque si ritrova ad affrontare.
Lo consiglierei?
Si lo consiglierei a chi vuole leggere qualcosa che non sia super impegnativo, ma che abbia un riscontro umanistico coinvolgente.
Ho letto qualcuno commentare che Marone dovrebbe “scollarsi” un pochino dalla sua Napoli, in effetti mi trova d’accordo sebbene io per primo sia uno di quelli che cerca di mantenere un collegamento tra il proprio territorio e ciò che racconta credo che per uno scrittore di questa caratura riuscire a narrare in contesti diversi sia importante.
So che ha già scritto altro ma credo aspetterò un attimino visto che mi sono già imbarcato in altre letture.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...