A te

A te che ti incazzi se non arrivi primo ma che ogni santa volta stai dalla parte degli ultimi.
A te che a quattordici anni mi dici sempre no, poi forse e poi si ma facendomi credere che era il tuo pensiero iniziale pur di non darmi ragione.
A te, che ti innamori ogni volta con la passione della prima volta.
A te che una volta mi abbracciavi mentre dicevi “ciao papà” ed ora con un colpo di ciuffo mi concedi un “bella fratm”
A te che ridi sempre, che mi guardi chiedendomi con gli occhi cosa sia successo per non ridere più come poche volte mi hai visto fare.
A te che spacchi il mondo e poi mi chiedi se dormiamo insieme sul divano.
A te che pulire la camera vuol dire mettere il joystick in carica.
A te che affronti le sfide con la testa alta ed il cuore in mano.
A te che sai riconoscere i tuoi sbagli, per poi ricommetterli con più esperienza (com’è giusto che sia alla tua età)
A te che non chiami mai per avvisare ma che famiglia vuol dire tutto.
A te che senza di te non saprei piu curvare la bocca all’insù.

Papà

A te

A te che disegni gli unicorni mentre ascolti Mondo Marcio.
A te che mi rubi gli attrezzi di nascosto per “creare” sempre qualcosa di nuovo e non li rimetti mai al loro posto.
A te che guardi tuo fratello come un idolo, poi lo mandi a quel paese ma poi ti arrabbi se non ti abbraccia.
A te che vorresti mettere un ombrello sopra alle lumache che vagano sotto la pioggia, che ti fanno tenerezza anche i colombi scagazzoni e che ti porti il cane in camera di nascosto.
A te che conosci tutti i colori, dal solidago al bruno Van Dyck, dall’eliotropo al nembo, dall’amaranto all’uovo di Pettirosso.
A te che vorresti talmente tanto un cavallo che a volte trasformi il tuo pinscher in un purosangue.
A te che sei talmente golosa che quando mangi un dolce e te ne chiedo un pezzetto, metti le dita perché non te ne mangi troppo, ma che poi presa dal rimorso mi lasci sempre il boccone finale.
A te, che senza te, non sarei più capace di vedere il mondo a colori.

Papà