Anna Lou a lo strano codice

Eccola li.
Anna Lou in piedi con le mani lungo i fianchi a guardare la sua nuova casa.
Prima di allora non aveva mai provato ad immaginare come sarebbe stata, aveva pensato al contesto ma mai alla casa in se.
Non era poi cosi male, certo, si vedeva che qualcuno da tempo non l’abitava, l’erba alta, gli scuri tutti chiusi, la cassetta della posta intasata di offerte pubblicitarie che gli addetti al volantinaggio hanno visto bene di buttare poi al di la del cancello, quale fosse il senso poi…
Una casa grigia con dei particolari in sassi a vista, una mura di recinzione che delimitava bene il loro spazio, anche se poi con l’arrivo di Marco la sua idea di spazio avrebbe sicuramente assunto un significato sterile, un giardino niente male come dimensione, certo ci sarebbe stato da lavorare ma non era poi cosi male. Continua a leggere “Anna Lou a lo strano codice”

Annunci

Anna Lou e l’apprezzata bugia del girasole

La particolarità di quell’appezzamento di terra che Anna Lou vedeva in lontananza dalla finestra della sua camera era che un non ben precisato giorno di luglio si accendeva come se fosse cosparso di lanterne  alle quali veniva data corrente, si tingeva di un giallo intenso che rendeva tutto il contorno, per quanto bello, un’accozzaglia di colori sbiaditi.
In quel momento, lei si sentiva come quei girasoli che d’improvviso davano un volto nuovo a quel terreno moribondo. Continua a leggere “Anna Lou e l’apprezzata bugia del girasole”